lunedì 28 luglio 2008

Stanchezza

Sono stanco.

Non chiedetemi "ma stanco di cosa?", però, perchè sarei in difficoltà a rispondere... stanco delle brutte notizie (qui ho parlato solo di una, l'altra è stata taciuta ma è per certi versi ancora più pesante), stanco del lavoro, stanco dell'ufficio con l'aria condizionata tenuta a livelli eccessivi, stanco di giocare in un modo che trasforma le conquiste in frustrazioni, stanco di essere triste per nessun vero motivo, arrabbiato per nessun vero motivo, nervoso per nessun vero motivo, di sentirmi solo per nessun vero motivo. Ah, e sono stanco anche di essere stanco.

Ieri sera piangevo, seduto al buio sulla piccola terrazza di casa mia (di casa nostra, dovrei dire). Poi d'un tratto ho smesso, bevuto l'ultimo sorso di Jack, spento la sigaretta e sono andato a dormire. Ho dormito filato tutta la notte, mi sono svegliato relativamente sereno... dopo dieci minuti di nuovo, non riuscivo a fermare le piccole contrazioni involontarie dei muscoli delle spalle. Ha un senso tutto questo?

Ho proprio bisogno di una vacanza, per mettere ordine ai pensieri. In realtà credo che mi farebbe meglio continuare a lavorare, e mandare in vacanza i pensieri da soli... ma sarebbe chiedere troppo, suppongo.

Adunanza, e speriamo che il miracolo si rinnovi ancora una volta.

lunedì 14 luglio 2008

Le plat pays

Conosco poco Jacques Brel, un vero mito della musica francese (anche se per me sarà sempre belga). Questa canzone mi piace, rappresenta tante cose (la mia infanzia, le vacanze alla Mer du Nord, il cielo del Belgio) ed è forse il punto più vicino per me per poter sfiorare la sua musica.

lunedì 7 luglio 2008

10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2...

Ecco che ho appena passato il penultimo esame, è un sollievo indicibile.
Ora devo mettermi a lavorare sulla tesina per il Prof. La Polla, che essendo il vero luminare del nostro dipartimento è anche piuttosto esigente. Sperem.